· 

Ma quando nasce?

La data presunta del parto è sempre vissuta come un traguardo, una specie di limite temporale per cui si può arrivare in anticipo o in ritardo. Quante volte abbiamo sentito dire: "il mio bimbo è nato 10 giorni prima" o " il mio è nato una settimana dopo!"? Tante volte! 
Solitamente stabilita al primo controllo ostetrico, è vissuta come l'etichetta della data di scadenza. La mamma stessa, la famiglia, gli amici, ruotano attorno al fatidico giorno. Se la scadenza viene superata, tutti a dire "ma perché non nasce, sei sicura vada tutto bene?". Se la scadenza viene anticipata invece, il bambino è considerato nato prima, nato troppo presto o piccolo.

Sfatiamo il mito: la data presunta non ha alcuna certezza !
Impariamo piuttosto a farci la domanda giusta per pensare alla nascita: quand'è che termina una gravidanza? 
Una gravidanza fisiologica, può essere a termine tra le 37 e le 42 settimane. Ebbene sì: ben 5 settimane di differenza possibile! Solo una bassissima percentuale di bimbi nasce a 40 settimane esatte, tutti gli altri nascono semplicemente quando mamma e bimbo/a sono pronti nell'arco temporale di queste settimane. Ogni mamma dovrebbe consultarsi con la sua ostetrica per imparare a riconoscere i segni del termine della sua gravidanza: i movimenti del bambino sono diversi, la pancia cambia forma, i genitali sono più gonfi e le perdite mucose a volte più filanti, l'intestino si muove, cambiano i ritmi del sonno e l'umore.
È l'ascolto del corpo la giusta chiave di lettura per vivere la gravidanza, non la data scritta sulla cartella clinica.
Per ogni bambino c'è un giorno in cui sarà pronto a nascere e quello è il giorno giusto per lui e per la sua mamma !


DOVE SIAMO

Studio Ostetrico

ArteOstetrica Padova

Via T. Aspetti 170 Padova

info@arteostetricapadova.it

SEGUICI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER